Questo contenuto è stato tradotto automaticamente.
Tre quarti della popolazione vive nelle città

Tre quarti della popolazione vive nelle città

Berna,

L'esodo urbano degli anni '80 e '90 è stato invertito: oggi tre quarti delle persone in Svizzera vivono di nuovo in aree urbane, la maggior parte di loro in appartamenti trilocali. Questo emerge dall'annuario "Statistica delle città svizzere 2021: Abitare in città".

Le città svizzere hanno vissuto negli ultimi anni una “vera rinascita”, secondo un comunicato stampa dell’Associazione svizzera delle città e dell’Ufficio federale di statistica in occasione della pubblicazione del loro annuario ” Statistica delle città svizzere 2021 ” incentrato su ” Abitare in città ”. Negli anni ’80 e ’90 del secolo scorso, molte persone si trasferirono dalla città alla campagna, oggi tre quarti della popolazione svizzera vive di nuovo nelle città.

La maggior parte di loro si trova a casa negli appartamenti trilocali. Al contrario, con l’86,5 percento, la stragrande maggioranza dei proprietari nelle città svizzere dispone di un appartamento con quattro o più stanze. Più piccola è la comunità, maggiore è la percentuale di case unifamiliari. Nel caso delle case plurifamiliari è vero il contrario: nelle città più grandi rappresentano in media oltre il 43 per cento. Per le restanti città, questo è inferiore al 33%.

Più grande è la città, più affittuari ci sono. La struttura per età all’interno di un comune o di una città è più o meno la stessa ovunque in Svizzera. Inoltre, solo il 5% in più di persone sono single nelle città rispetto alle aree rurali. Un totale del 31% degli abitanti delle città sono cittadini stranieri. Fuori è solo il 20 percento.

In Svizzera nel suo complesso, l’edilizia abitativa senza scopo di lucro rappresenta solo l’1,3 per cento. Nelle grandi città, invece, la media è dell’11,4 per cento e nella città di Zurigo addirittura del 22,4 per cento.

Nella politica urbana, il FDP (27,2%) e l’SP (20,6%) danno il tono, seguito dal CVP (15,1%, meno 0,2% rispetto all’anno precedente) e dall’VP (11,4%%, meno 0,2%). I Verdi hanno guadagnato lo 0,8% rispetto all’anno precedente e ora sono il 7,7%.