Questo contenuto è stato tradotto automaticamente.
Nuovo professore per l'edilizia circolare presso l'Istituto per la sostenibilità e l'energia nell'edilizia al FHNW

Nuovo professore per l'edilizia circolare presso l'Istituto per la sostenibilità e l'energia nell'edilizia al FHNW

Muttenz BL,

L'economia circolare è una chiave importante per un'edilizia rispettosa dell'ambiente e delle risorse. L'Istituto per la Sostenibilità e l'Energia nell'Edilizia della FHNW University of Architecture, Building and Geomatics si rafforza quindi in questo ambito con un docente altamente qualificato e specializzato per l'edilizia circolare.

L’Istituto per la sostenibilità e l’energia dell’Università di architettura, edilizia e geomatica FHNW è attivamente coinvolto nella ricerca, nella formazione e nell’istruzione superiore, nonché nei servizi nei settori dell’edilizia efficiente dal punto di vista energetico e climaticamente neutra, della tecnologia costruttiva integrale, dell’edilizia sostenibile e funzionamento, costruzione circolare ed efficiente sotto il profilo delle risorse, nonché aspetti sanitari negli edifici. Una delle preoccupazioni fondamentali di questa strategia è rafforzare la costruzione nell’economia circolare. Sia nel campo dell’istruzione e della formazione che nella ricerca, l’istituto fornisce un contributo importante per garantire che nella pratica edilizia svizzera vengano implementati metodi di costruzione più efficienti dal punto di vista energetico e delle risorse e sostenibili. L’esperienza dei ricercatori che lavorano presso l’FHNW è richiesta sia a livello nazionale che internazionale, nonché all’interno dell’FHNW.

Per rafforzare questo team altamente qualificato, l’Istituto per la sostenibilità e l’energia nell’edilizia è riuscito a reclutare Andrea Klinge di ZRS Architekten Ingenieure Berlin come professore di edilizia circolare.

Andrea Klinge ha studiato architettura alla Technical University di Berlino e si è specializzata in edilizia sostenibile alla London Metropolitan University. Ha lavorato in vari studi di architettura a Londra, Roma e Berlino, ed è con ZRS Architects dal 2013, dove ha fondato il dipartimento di ricerca. I suoi principali interessi di ricerca sono un approccio olistico alla costruzione e includono la costruzione circolare, a bassa tecnologia, nonché l’uso di materiali da costruzione naturali (argilla, legno, fibre naturali) per migliorare la qualità dello spazio interno negli edifici.

Grazie al suo background di falegnameria, Andrea Klinge lavora sempre in modo pratico per portare i risultati della ricerca in applicazione diretta. A tal fine ha realizzato diversi progetti con legno, argilla e bambù con studenti di diverse università ma anche con colleghi internazionali.

Alla FHNW School of Architecture, Building and Geomatics, Andrea Klinge vorrebbe realizzare e spostare qualcosa: “Quello che associo alla cattedra e che voglio affrontare sono le sfide attuali nel settore delle costruzioni. Questo è uno dei settori economici a più alta intensità di risorse al mondo e contribuisce in modo significativo al cambiamento climatico. Per raggiungere gli obiettivi climatici di Parigi, sono urgentemente necessari approcci coerenti per attuare la necessaria ristrutturazione edilizia nel settore delle costruzioni”.

Andrea Klinge è membro del Life Cycle and Circular Building Advisory Board della German Society for Sustainable Building da settembre 2021. Dall’ottobre 2021, insieme a Eike Roswag-Klinge, è anche a capo del gruppo di lavoro DIN Circular Economy Standardization Roadmap, Structures and Municipalities .

La prof.ssa Barbara Sintzel, capo dell’Istituto per la sostenibilità e l’energia negli edifici, non vede l’ora di lavorare con Andrea Klinge: “Andrea Klinge è sinonimo di svolta nell’edilizia. Porta l’entusiasmo e la versatilità di cui questo argomento ha bisogno. Ha competenze tecniche per aiutare l’uso di componenti ReUse e materiali da costruzione rinnovabili nella pratica con la ricerca applicata per ottenere una svolta e rendere così possibile la svolta dell’edificio. Attendiamo con impazienza il vostro supporto attivo nella ricerca e nell’insegnamento.”