Questo contenuto è stato tradotto automaticamente.
Guarda al futuro della tecnologia delle costruzioni

Guarda al futuro della tecnologia delle costruzioni

Dübendorf ZH,

Nell'edificio NEST degli istituti di ricerca Empa ed Eawag vengono testate e sviluppate in condizioni reali nuove tecnologie, materiali e sistemi nei settori dell'edilizia e dell'energia. Attualmente sono in costruzione e in progettazione due nuove parti dell'edificio.

Dall’idea a un’innovazione commerciabile la strada è lunga, soprattutto nel settore delle costruzioni. C’è un divario tra le tecnologie che funzionano in laboratorio e il mercato che richiede prodotti ben progettati e affidabili. L’edificio modulare per la ricerca e l’innovazione NEST degli istituti di ricerca svizzeri Empa ed Eawag mira a colmare questa lacuna.

Il NEST (Next Evolution in Sustainable Building Technologies) è stato aperto nel 2016 e si trova nel campus dell’Empa a Dübendorf. L’edificio è costituito da un nucleo edilizio con tre piattaforme a sbalzo. Su di esso possono essere installati moduli di costruzione temporanei e tematicamente diversi, le cosiddette unità. In questo modo, team di ricerca, studi di architettura e aziende del settore edile possono testare e sviluppare insieme a NEST materiali, tecnologie, prodotti, concetti energetici e concetti di utilizzo. Nel senso di “living lab”, le unità installate sono in realtà utilizzate in ambienti di vita e di lavoro.
L’unità “HiLo” è attualmente in costruzione sulla piattaforma superiore di NEST. La costruzione è iniziata nell’estate 2019. L’unità ha lo scopo di dimostrare le possibilità nella costruzione leggera. Oltre a un’innovativa struttura del tetto, vengono utilizzati pavimenti leggeri a risparmio di materiale e una facciata solare adattiva. Durante il funzionamento, la tecnologia dell’edificio deve essere continuamente ottimizzata con l’aiuto dell’apprendimento automatico. L’unità aprirà ufficialmente il 6 ottobre 2021.

È in fase di progettazione anche l’unità a due piani “STEP2”. I partner commerciali e di ricerca li implementano insieme in un approccio di innovazione aperta. Dopo il suo completamento, previsto per l’estate 2022, fungerà da laboratorio di innovazione interdisciplinare e ambiente d’ufficio. I progetti centrali dell’unità includono una scala a chiocciola a forma di spina dorsale umana, un involucro edilizio che si adatta alle condizioni esterne e un soffitto a pavimento realizzato con la stampa 3D.